(katie_martynova / fotolia)

Sempre stanchi e spossati? 5 suggerimenti per la quotidianità lavorativa

Le giornate s’accorciano, la nebbia la fa da padrone e spesso solo la pioggia riesce a scacciarla: i cambiamenti portati dall’autunno possono ripercuotersi nella quotidianità lavorativa sull’umore e sul dinamismo. Vi diamo cinque suggerimenti su come sopportare questi cambiamenti nella quotidianità lavorativa.

1. Fate un pieno di luce e ossigeno
Godetevi l’aria fresca andando a lavorare a piedi o scendendo dall’autobus due fermate prima e camminando per l’ultimo tratto. Fate un “pieno” di luce facendo una passeggiata durante la pausa di mezzogiorno.

2. Alimentatevi in modo equilibrato
Fate attenzione ad alimentarvi in modo equilibrato, ricco di vitamine e sostanze nutritive. A mezzogiorno, il cibo non dovrebbe essere troppo pesante, affinché nel pomeriggio possiate nuovamente concentrarvi sul lavoro.

3. Fate attività fisica
Anche se con questo tempo ci vuole ancor più forza di volontà: fate dello sport e date slancio alla vostra circolazione. Con un abbigliamento funzionale, riflettori e lampada frontale, nonostante ogni tempo e persino l’oscurità. Il nostro suggerimento: utilizzate la pausa di mezzogiorno per l’attività sportiva. Riceverete una porzione extra di luce e ossigeno, e vi godrete il doppio la fine del lavoro.
Interessante per voi: 11 suggerimenti per lo sport nell’inverno

4. Tenete un ritmo costante
Durante la settimana lavorativa, cercate di mantenere costante il vostro ritmo giorno-notte. Provate ad andare a letto e a risvegliarvi tutti i giorni alla stessa ora. Perseverate con questo ritmo anche nel fine settimana e godetevi le tranquille ore del mattino con un giro al mercato o una passeggiata.

5. Approfittate di ore di tranquillità
Giovatevi dei vantaggi del brutto tempo: la sera a casa, mettetevi comodi sul divano, senza sensi di colpa, leggete un libro, cucinate o datevi la bricolage… secondo i vostri gusti!

Ci svelereste i vostri suggerimenti personali contro la malinconia autunnale?

Valutare questo contributo.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*