(Thinkstock)

L’amore fa bene alla salute?

Lasciatevi andare alle coccole durante il mese di maggio, il mese delle delizie! Sono stati condotti studi che provano gli effetti dell’amore. A quanto pare, le coppie felici sono meno inclini ad ammalarsi e vivono addirittura più a lungo.

Il cuore batte forte, tutti i pensieri ruotano attorno alla persona amata e si guarda il mondo con occhi diversi. Molti hanno ben impressa la sensazione della prima fase dell’innamoramento. L’iniziale ebbrezza dei sentimenti, tuttavia, si trasforma nel corso del tempo. Con le premesse giuste, dal primo innamoramento si passa a una relazione d’amore stabile e di lunga durata. Questo genere di rapporto profondo e basato sulla fiducia influenza positivamente la salute. Alcuni studi dimostrano che le persone sposate, soprattutto gli uomini, vivono più a lungo e si recano meno spesso dal medico, sono meno esposte al rischio di malattie cardiocircolatorie, diabete, Alzheimer e malattie polmonari.

Secondo uno studio effettuato in Giappone, gli uomini sposati hanno un rischio tre volte minore di morire a causa di malattie cardiovascolari rispetto a chi non è sposato. Fonte: BMC Public Health

Importanza centrale degli ormoni

Nella prima fase di una relazione, quella dell’innamoramento, gli ormoni dopamina, adrenalina e serotonina provocano la sensazione di ebbrezza; a essere stimolate sono le stesse aree del cervello sollecitate dal consumo di cocaina od oppio. Nei rapporti di lunga durata, inoltre, si aggiunge l’azione dell’ormone legante ossitocina, spesso definito anche «ormone dell’amore». Quest’ultimo mitiga l’ansia e lo stress, oltre ad aumentare la fiducia negli altri. Inoltre, fa sì che entrambi i partner siano fedeli. Durante l’orgasmo e lo scambio di tenerezze questo ormone viene prodotto in grandi quantità da tutti e due, e nelle donne anche durante il parto e l’allattamento.

Da studi che abbracci ripetuti di almeno 10 secondi

  • sono in grado di ridurre il rischio di malattie cardiocircolatorie;
  • abbassano la pressione sanguigna;
  • riducono lo stress;
  • stimolano il sistema immunitario;
  • diminuiscono il rischio di depressione;
  • mitigano l’ansia.

Attenzione all’ossitocina artificiale

L’interazione tra neurotrasmettitori e ormoni all’interno del nostro organismo è molto complessa, i suoi effetti sono molteplici. Pertanto, serviranno ancora diversi anni di ricerca per comprendere appieno i meccanismi esatti ed eventualmente utilizzarli in ambito farmaceutico. Questa è la ragione per cui l’uso di ossitocina artificiale, nella forma offerta per esempio su Internet, è altamente sconsigliato. È molto più consigliabile passare del tempo a coccolarsi con i propri cari e curare amorevolmente le proprie relazioni. In tal senso vi auguriamo una primavera ricca di coccole benefiche e salutari.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*