Tiefer Blutdruck/Kreislaufschwäche

Pressione bassa: cosa fare quando la circolazione ci rende deboli

La pressione arteriosa bassa è perlopiù innocua. Tuttavia, può limitare la qualità di vita. Ecco i migliori rimedi.

In primis due notizie rassicuranti: la pressione arteriosa bassa (ipotensione) riduce il rischio di malattie cardiovascolari. Un motivo è il fatto che le pareti vascolari sono esposte a minor tensione; ciò le preserva e protegge. Inoltre, i valori bassi della pressione arteriosa non vanno per forza di pari passo con spiacevoli effetti collaterali. Si può quindi vivere senza fastidi. Tuttavia, chi soffre di disturbi si sente in parte notevolmente condizionato da essi. E questa è la notizia spiacevole.

Pelle pallida, mani e piedi freddi, sudorazione, problemi di vista, difficoltà di concentrazione, polso accelerato e palpitazioni, ronzio nelle orecchie, debolezza, stanchezza e capogiri: ecco come può manifestarsi la pressione arteriosa bassa.

Gli specialisti differenziano tre tipi di ipotensione:

La più frequente è l’ipotensione primaria. In questa forma i valori della pressione arteriosa sono costantemente bassi. La causa esatta è ancora sconosciuta. Probabilmente ha a che fare con la corporatura e/o con la condizione fisica. Infatti, ne sono spesso colpiti giovani donne magre, donne incinte, giovani durante la crescita o persone anziane di fisico asciutto.
Un’ipotermia secondaria è la conseguenza di altre, in parte gravi, malattie come insufficienza cardiaca o disturbi ormonali. Anche un sistema nervoso malato può esserne la causa. Inoltre, si tratta a volte di effetti collaterali di medicamenti.
Una forma particolare è rappresentata dall’ipotensione ortostatica. Un tipico segnale è il capogiro quando ci si alza. Nella maggior parte dei casi i disturbi diminuiscono dopo breve tempo. Inoltre, «chi ne soffre da tempo conosce i sintomi e ha sviluppato strategie per combatterli», afferma Alexander Tarnutzer, primario di neurologia all’Ospedale cantonale di Baden.

Consiglia di recarsi dal medico se i disturbi sono nuovi, duraturi o molto forti, ad esempio se si perde regolarmente coscienza. Nel caso dell’ipotensione secondaria, è inoltre importante cercare e trattare le cause.

*Si parla di pressione arteriosa bassa quando i valori sono inferiori a 120/60 mmHg.

 

Rimedi contro l’insufficienza circolatoria

  • Alzarsi lentamente.
  • Iniziare la giornata con esercizi volti a rafforzare la circolazione sanguigna (pompa venosa o muscolare). Ad esempio, in posizione sdraiata piegare le gambe e «fare la bicicletta», in posizione seduta ruotare velocemente i piedi, cambiando più volte direzione.
  • Mettere in moto la circolazione con docce a getti alterni o massaggi con una spazzola.
  • Bere acqua a sufficienza o tè non zuccherato.
  • Può risultare utile anche cibo contenente sale, come il brodo di verdura, e una tazza di tè nero o caffè.
  • Se questi suggerimenti non sono sufficienti, potrebbe essere indicato assumere medicamenti per alzare la pressione.
Valutare questo contributo.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*