Schnarchen

Come smettere di russare?

Russare da far tremare le pareti – non necessariamente. Ecco qualche rimedio contro il rumore notturno.

Russare non arreca disturbo solo alle persone con cui si condivide il letto, ma influisce negativamente anche sulla propria qualità del sonno. Gli stessi russatori, a volte, si svegliano proprio a causa del rumore che generano, che può raggiungere un’intensità sonora di 80 decibel – paragonabile al fracasso generato da un martello pneumatico.

Lo scetticismo è d’obbligo

Quali sono i possibili rimedi? Sul mercato è possibile trovare un’infinità di prodotti anti-russamento. Il ricercatore del sonno Jürgen Zulley è scettico, in particolare, nei confronti di spray orali e nasali, soluzioni per gargarismi e pastiglie: «Non è provato che siano un rimedio efficace contro la roncopatia», scrive nel suo libro «Mein Buch vom guten Schlaf» (Il mio manuale per dormire bene). Se il disturbo si manifesta soprattutto quando si dorme sdraiati sulla schiena, una valida soluzione può essere quella di utilizzare uno speciale zaino gonfiabile, che impedisce al soggetto di rigirarsi nel letto e quindi di assumere la posizione supina.

Le possibili cause: alcol e sovrappeso

Anche l’alcol e il sovrappeso possono essere fattori che causano la roncopatia – la conseguenza logica sarebbe quella di astenersi dal consumare alcolici e ridurre il peso corporeo. Per quanto riguarda le cause anatomiche, la procedura di raddrizzamento del setto nasale oppure l’asportazione delle tonsille potrebbero migliorare la situazione. Tutti i campanelli di allarme dovrebbero però suonare quando il russare è interrotto da fasi di silenzio – ossia quando il soggetto smette di respirare in questo lasso di tempo. In tal caso, si è in presenza di episodi di apnea notturna.

Valutare questo contributo.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*