Come funziona un sacchetto termico?

Sono piccoli, caldi e d’inverno riscaldano in modo piacevolissimo: i sacchetti termici da mettere in tasca. Il loro principio di funzionamento è facilissimo.

Chi non sarebbe contento di avere uno scaldamani in una fredda giornata d’inverno? Ma come funziona il sacchetto termico che contiene una polvere marrone-nera all’interno?

La risposta è semplicissima, se non si intende soddisfare pretese scientifiche.

Gli scaldamani monouso contengono un miscuglio di ferro, carbone attivo, sale e acqua. Estraendo i sacchetti dalla confezione ermeticamente sigillata, si verifica una reazione chimica. La polvere di ferro viene a contatto con l’ossigeno e inizia a ossidare. Fin quando è in corso il processo di ossidazione viene prodotto calore che può raggiungere temperature fino a circa fino ca. i 70°.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*