(Fotolia / psdesign1)

Premi in aumento in campagna?

Il Consiglio federale ha sottoposto a consultazione l’ordinanza rivisitata relativa alla nuova definizione delle regioni di premio. Secondo dei calcoli svolti dalla CSS Assicurazione questa ridefinizione avrebbe per molti assicurati un aumento di premio come conseguenza.

Premi in aumento in campagna?

A settembre 2016, il Consiglio federale ha avviato la procedura di consultazione relativa alla revisione dell’ordinanza sulle regioni di premio. Le regioni di premio, che rappresentano la base di calcolo dei premi all’interno dei cantoni, in futuro si baserebbero sui distretti, mentre oggi si fondano sui comuni. Infatti, nelle regioni rurali, dove vengono riscosse meno prestazioni mediche, i premi sono più bassi rispetto ai premi nelle zone urbane i cui i costi sanitari risultano essere più elevati.

Aumento dei premi?

Il Consiglio federale è di altro parere: le modifiche proposte condurrebbero a una migliore distribuzione dei costi all’interno delle regioni. La suddivisione in distretti, anziché comuni andrebbe a equilibrare il sistema e a meglio distribuire il carico dei premi.
Dei calcoli della CSS dimostrano tuttavia, che questa modifica verrebbe a costare caro alla maggior parte degli assicurati. La nuova definizione delle regioni dei premi potrebbe condurre a degli aumenti di premi di fino al 22 percento:

L’esempio ad Aarwangen.

La CSS è contraria alla revisione che, tra le altre cose, penalizzerebbe le famiglie delle regioni di campagna. Per questo motivo ha inoltrato una presa di posizione al Consiglio federale. Nella lettera alla Confederazione, la CSS Assicurazione illustrare i suoi argomenti sull’esempio di una famiglia di Aarwangen. Infatti, se venisse applicata la proposta del Consiglio federale, il suddetto comune nel Canton Berna passerebbe dalla regione di premio 3 alla regione 1. Questo passaggio avrebbe come conseguenza un aumento dei premi del 15.7 percento. La CSS Assicurazione è decisamente contraria a un aumento di premi che non offra maggiori prestazioni o il beneficio di una migliore qualità in termini di approvvigionamento sanitario.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*