Steigende Gesundheitskosten: Was sind die Ursachen?
(Gettyimages)

Costi della salute in aumento: quali sono le cause?

I costi della salute aumentano ogni anno. Perché da 20 anni non si vede la fine di questo fenomeno?

Nell’assicurazione di base obbligatoria i premi aumentano ogni anno poiché crescono i costi della salute: infatti, i premi altro non sono se non un riflesso dell’evoluzione dei costi. Ma quali sono le cause della spirale di crescita dei costi?

Si può evitare l’aumento dei costi?

L’incremento dei costi presenta due aspetti. Da un lato c’è la crescita, dovuta allo sviluppo demografico, al progresso medico e tecnologico e ai trend nella salute e che in linea di principio è sostenibile: infatti di pari passo aumentano anche il carovita e i salari. Poi vi è il lato indesiderato: l’incremento dovuto a stimoli errati e che in un mondo perfetto dovrebbe essere evitato.

Chi è il colpevole della dilatazione dei costi?

Ci si palleggia spesso la colpa di questo fenomeno ormai cronico, trattandolo come la classica “patata bollente”. Una volta essa ricade sugli assicuratori malattie poiché non controllano abbastanza bene le fatture, la volta seguente sui pazienti che consumerebbero senza spirito critico.

Negli ultimi tempi è cresciuta la pressione sui fornitori di prestazioni, ai quali si rimprovera di prescrivere trattamenti costosi senza che questi siano necessari. Il Consiglio federale stima che circa il 20% delle prestazioni nel sistema sanitario sia inutile e che si potrebbe dunque risparmiare in quest’ambito.

Tuttavia, una parte di colpa dell’aumento spetta anche ai Cantoni e alla classe politica. Nel loro ruolo plurimo come offerenti, finanziatori e regolatori degli ospedali, alcuni Cantoni privilegiano le proprie aziende e aggirano dunque le regole della concorrenza. I politici, dal canto loro, si “perdono” spesso in dibattiti di natura ideologica in merito a più o meno concorrenza, invece di discutere soluzioni sensate.

Come si possono evitare gli stimoli errati?

È indiscutibile che l’eccessivo aumento dei costi della salute sia un problema, e come tale lo hanno riconosciuto il Consiglio federale e alcuni partiti. La CSS vede con favore il rapporto degli esperti del Consiglio federale nonché l’iniziativa popolare elaborata dal PPD per l’introduzione di un freno a costi e premi. Infatti, solo chi cerca nuove soluzioni le può trovare.

I seguenti ulteriori punti (che in parte sono menzionati anche nel rapporto degli esperti) possono ridurre gli stimoli errati nel sistema sanitario.

  • Gli assicuratori malattie devono migliorare il loro controllo delle fatture, perché così facendo si risparmia denaro ogni anno.
  • Le pazienti e i pazienti sono tenuti a controllare le loro fatture, ad assumere maggiore responsabilità personale e, nel caso abbiano un’operazione in programma, a richiedere una seconda opinione.
  • I fornitori di prestazioni (ospedali, medici e altre istituzioni) devono aumentare la loro trasparenza in merito a prezzo, prestazione e qualità. Inoltre, è importante che non si giunga a un eccesso nell’offerta di approvvigionamento medico: i letti degli ospedali non vanno occupati per generare un fatturato, bensì per curare i malati. I medici sono tenuti a prescrivere solo quel che è efficace e appropriato e non tutto quel che richiede il paziente.
  • Anche il settore pubblico conosce stimoli errati che devono essere eliminati: si devono separare i vari ruoli dei Cantoni e le cure mediche dovrebbe essere programmate senza tenere conto dei confini cantonali.
  • La Confederazione dovrebbe verificare ogni anno i costi dei medicamenti, perché anche in questo campo il potenziale di miglioramento è alto.

Tutti questi stimoli errati portano a maggiori costi nell’assicurazione di base. Le cause sono chiare: ora è tempo di passare all’azione.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*