Welche Hormone werden bei Bewegung freigesetzt?
(Gettyimages)

Quali sono gli ormoni emessi durante il movimento?

Senza ormoni nello sport non funziona (quasi) niente. Sia gli ormoni dello stress che quelli della felicità hanno un ruolo centrale.

Non appena ci muoviamo vengono emessi degli ormoni. Gli ormoni sono dei cosiddetti neurotrasmettitori che provocano diversi effetti e regolano varie funzioni nel corpo.

Regolatore degli ormoni dello stress per la produzione di energia

Nello sport, per esempio, l’ormone dello stress cortisolo ha un ruolo importante. Il cortisolo ha una funzione determinante nella produzione di energia sotto forma di glucosio. Se ci muoviamo, già dopo pochi minuti viene emesso cortisolo. In questo modo il corpo riceve dell’energia rapidamente disponibile. Inoltre, il cortisolo ha un effetto antinfiammatorio. Dopo circa mezz’ora di movimento, il tasso di cortisolo diminuisce di nuovo, permettendo al corpo per esempio di trarre anche energia da grassi e proteine.

Gli ormoni adrenalina e noradrenalina vengono soprattutto rilasciati in caso di sforzi psichici e fisici. Essi fanno sì che il corpo emetta energia, aumenti la frequenza del battito cardiaco e la pressione sanguigna e che fornisca energia, privilegiando la muscolatura utilizzata. In sostanza: essi permettono al corpo di adattarsi allo sforzo.

La produzione di ormoni durante lo sport non si differenzia quindi da quella in una risposta allo stress. Dai tempi più remoti, gli ormoni ci permettono di reagire rapidamente e di fuggire.

Correre senza limiti grazie agli ormoni della felicità?

Oltre alla risposta allo stress vengono anche prodotti i cosiddetti ormoni della felicità. Essi sono responsabili per il cosiddetto «runner’s high» (una specie di sensazione di euforia) che si presenta soprattutto presso i corridori di lunga distanza e che designa uno stato d’animo euforico indolore. In questo stato gli sportivi hanno la sensazione di poter correre quasi illimitatamente.

Questo effetto finora è stato soprattutto attribuito alle endorfine. Nel frattempo si parte però dal presupposto che sono gli ormoni della felicità come la dopamina e la serotonina a diminuire la percezione del dolore. Inoltre, si pensa che gli endocannabinoidi rilasciati durante il movimento provochino un effetto psicoattivo. Gli endocannabinoidi sono sostanze prodotte dall’organismo («endo») che provocano un effetto di benessere e di euforia simile da quello generato dalla canapa.

Ciò che è certo: senza il nostro equilibrio ormonale non sarebbe possibile fare sport e praticarlo non ci darebbe così tanta soddisfazione.

Valutare questo contributo.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*