Sind zusätzliche Mineralstoffe sinnvoll?

Integratori alimentari: quando è utile un’aggiunta di minerali?

Preparati multivitaminici, compresse effervescenti, capsule di oli: gli scaffali sono pieni di integratori alimentari, che promettono salute, forza ed energia. Ma quando sono realmente utili i supplementi di minerali?

In primo luogo, va detto che un’alimentazione varia ed equilibrata copre in modo assolutamente naturale il bisogno quotidiano di vitamine e minerali per la maggior parte delle persone. Basta un buon mix di verdura, frutta, prodotti integrali e proteine sane provenienti da uova e pesce.

Dietro i supplementi si nascondono spesso vitamine e minerali. Essi sono vitali per il nostro corpo. Senza di loro, il metabolismo, la formazione muscolare e ossea e l’ematopoiesi non funzionerebbero.

Cosa sono le sostanze minerali?

I minerali sono sostanze che il corpo non riesce a produrre autonomamente e che perciò devono essere assunte mediante l’alimentazione. non forniscono energia, ma sono indispensabili per molte funzioni corporee. Ne fanno parte i cloruri, il potassio, il calcio, il magnesio, il sodio e il fosforo. Non possono essere prodotti per sintesi e sono di importanza vitale, assieme agli oligoelementi e alle vitamine.

Perché gli integratori alimentari sono popolari?

Il nostro rapporto con l’alimentazione è cambiato: alcuni dubitano della qualità degli alimenti, altri seguono regole nutrizionali particolari oppure sono tentati dal “più è, meglio è”. Però proprio quest’ultimo punto richiede attenzione: un eccesso di sostanze nutritive nel cibo non è di per sé un problema, dato che quelle inutili vengono semplicemente espulse. Tuttavia, l’effetto di dosi eccessive assunte sotto forma di preparati può essere tossico.

Per esempio, un sovradosaggio di magnesio per lungo tempo può causare la diarrea, uno di zinco nausea e vomito, mentre troppo ferro può avere come effetto indesiderato la stitichezza. Pertanto, l’assunzione supplementare di minerali richiede attenzione.

 

Quando gli integratori alimentari sono utili

In determinate situazioni, tuttavia, è utile assumere preparati che offrono al corpo un supporto ulteriore. Può esserci un maggior bisogno di minerali per esempio in casi di malattie, di maggiore sforzo fisco richiesto, di deficit o di problemi nell’assimilazione di sostanze nutritive, il cosiddetto malassorbimento.

Ecco una serie di situazioni di vita nelle quali l’assunzione di supplementi di minerali può essere utile. In questo contesto, è importante sottolineare che ci si deve far consigliare da uno specialista.

Gravidanza e desiderio di maternità
L’assunzione di acido folico è importante prima e durante la gravidanza per prevenire nel bambino difetti congeniti, quali le anomalie del tubo neurale. Infatti, durante la gravidanza è difficile coprire con l’alimentazione l’aumentato bisogno di sostanze nutritive. Per questo motivo sono consigliati specifici preparati multivitaminici e di minerali. Questi, però, non devono comprendere la vitamina A, poiché un suo sovradosaggio durante la gravidanza può danneggiare il nascituro.

„Malnutrizione“ presso i vegani
A differenza dei vegetariani che, se si alimentano in modo equilibrato mangiano una quantità sufficiente di prodotti di origine animale, quali uova e latticini, i vegani rinunciano proprio a questi ultimi. dunque, per i vegani è difficile assumere quantità sufficienti di vitamina B12, che proviene quasi esclusivamente dai prodotti animali. Un deficit di essa danneggia l’ematopoiesi e influisce negativamente sul sistema nervoso.

Oscurità in inverno
Secondo l’Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria, durante i mesi estivi le persone fra i 3 e i 60 anni non necessitano di supplementi di vitamina D se stanno regolarmente all’aperto.

20 minuti con le mani e il viso al sole sono sufficienti affinché la pelle produca vitamina D a sufficienza. Diversa è la situazione in inverno: per coprire il bisogno si dovrebbe puntare su un’alimentazione ricca di vitamina D, che integri i supplementi vitaminici. Pertanto, pesci ricchi di grasso, uova e funghi dovrebbero regolarmente comparire sulle tavole.

Quando l’età avanza
Dai 60 anni, l’appartato digerente cambia e si riduce automaticamente l’assunzione di sostanze nutritive. Se poi sopravvengono la mancanza d’appetito o disturbi nella masticazione, il risultato può essere un deficit di tali sostanze. In questi casi, i medici consigliano integratori alimentari che contengano vitamina B12, ferro e calcio.

 

Integratori alimentari: non un sostituto di un’alimentazione equilibrata

Come detto all’inizio, chi si alimenta in modo equilibrato normalmente non necessita di un supplemento di minerali. Questi ultimi non sostituiscono un’alimentazione variata, bensì possono sconvolgere l’equilibrio dell’insieme dei minerali presenti nel corpo.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*