Nachhaltige Produkte

Prodotti sostenibili: quali marchi sono affidabili?

Acquistare prodotti sostenibili è un nobile proposito, però complesso da mettere in pratica, dati gli innumerevoli marchi che spesso non si sa quanto siano affidabili. Ecco come orientarsi.

In linea di principio, i marchi di certificazione sono una buona idea: sono intese a richiamare l’attenzione su particolari caratteristiche di un prodotto, a informare su quali siano le condizioni di produzione. E aiutare nella decisione se comprare qualcosa oppure no.

Tuttavia, ciò si rivela problematico, in quanto oggi non c’è quasi più un alimento che non abbia un marchio: solo per i latticini ve ne sono oltre 30. Più che fare chiarezza, crea piuttosto confusione. Un esempio in tal senso è rappresentato dai loghi per gli alimenti regionali. Richiamano l’attenzione sui produttori locali, però non dicono nulla sul rispetto ambientale o degli animali, anche se il verde nel logo magari lo suggerisce.

Farsi furbi

A chi vuole vederci chiaro non resta far altro che cercare personalmente ulteriori informazioni. Le valutazioni di organizzazioni ecologiste o di consumatori semplificano questo compito (vedi elenco sotto) Si può comprendere meglio quali siano i punti chiave del marchio e se in effetti rappresenti un valore aggiunto, per esempio per quanto concerne le condizioni di lavoro, la biodiversità e il benessere degli animali.

Però, “i marchi alimentari non sono panacee”, come afferma Corina Gyssler di WWF Svizzera. Chi per esempio mangia quotidianamente oppure ogni settimana il pesce contribuisce all’eccessivo sfruttamento dei mari, anche se questo pesce ha un certificato ambientale. Inoltre, non tutte le etichette nel settore del pescato sono al di sopra di ogni sospetto. Mentre Aquaculture Stewardship Council (ASC) e Marine Stewardship Council (MSC) godono di buona considerazione, lo stesso non si può dire di “Friend of Sea”.

Graduatoria: questi marchi contrassegnano prodotti sostenibili

31 marchi alimentari sono stati valutati dalla fondazione Praktischer Umweltschutz Schweiz (Pusch), dal WWF, da Helvetas e dalla Fondazione per la protezione dei consumatori. Sono stati verificati gli ambiti ambiente (acqua, terreno, clima, biodiversità), aspetti sociali, benessere degli animali, management, nonché processi e controllo. Una serie di marchi ha ottenuto la valutazione “eccellente” risp. “molto consigliabile”. Le guide all’acquisto sono consultabili in www.labelinfo.ch e www.wwf.ch/foodlabels   e sono a disposizione come opuscolo da sfogliare o come app (http://wwf.ch/app).

Categoria “eccellente”

Gemma Bio/Gemma Bio Suisse: uno dei marchi più noti. Nelle valutazioni ha ottenuto risultati sopra la media in tutti gli ambiti e in tutti i gruppi di prodotti. www.bio-suisse.ch

Bio natur plus (Manor): contrassegna prodotti che seguono le direttive di Bio Suisse. In molti ambiti, le esigenze poste dal marchio sono più rigorose delle disposizioni di legge per le coltivazioni biologiche. Si evita il più possibile l’importazione di merci. www.manor.ch/de/u/nachhaltigkeit-manor-food

Naturaplan (Coop): marchio per prodotti svizzeri ed esteri secondo le direttive Bio Suisse. Anche in questo caso, le esigenze poste dal marchio sono spesso più severe delle disposizioni di legge per le coltivazioni biologiche. www.coop.ch/de/labels/naturaplan.html

KAGfreiland: marchio per carne e uova svizzere provenienti da allevamenti biologici e rispettosi degli animali. Per quanto concerne le condizioni degli animali, il più severo fra i marchi valutati. https://kagfreiland.ch

Natura-Beef Bio: marchio per la carne bovina svizzera allevata secondo i principi della linea vacca-vitello. Le aziende sono gestite in conformità alle direttive di Bio Suisse e il marchio richiede un rigoroso rispetto di regole in materia di allevamento. www.mutterkuh.ch/de/natura-beef

Bio Weide-Beef (Migros): anche in questo caso si tratta di un marchio che contrassegna carne bovina proveniente da allevamenti rispettosi della natura e degli animali, in conformità alle direttive di Bio Suisse. Per quanto riguarda il benessere degli animali, la valutazione è migliore di quella di Bio suisse. Gli animali hanno accesso all’esterno tutto l’anno. www.migros.ch/de/einkaufen/migros-marken/weide-beef.html

Delinat: certifica vini svizzeri ed esteri di produzione biologica. Oltre a quelli ecologici, le direttive comprendono anche aspetti sociali. www.delinat.com

Categoria «Molto consigliabile»

Bio Organic (Lidl): frutta, verdura e alimenti dal sud del mondo prodotti secondo le direttive di Bio Suisse. Per gli alimenti importati vigono le regole dell’ordinanza Bio dell’Unione Europea, meno rigorose. https://verantwortung.lidl.ch/grundsaetze/labels-und-marken

Fidelio: contrassegna carne biologica svizzera proveniente da allevamenti rispettosi degli animali. Gli animali hanno quotidianamente accesso all’esterno e sono tenuti in gruppi, a eccezione dei manzi. www.fidelio.ch

Demeter: marchio di prodotti bio-dinamici. In Svizzera, le fattorie devono essere anche certificate da Bio Suisse. Per i prodotti d’importazione vigono regole meno rigorose. www.demeter.ch

Claro fair trade: commercializza prodotti di circa 200 cooperative di piccoli produttori secondo le direttive Fairtrade. Circa il 75 percento dell’assortimento è anche certificato secondo l’Ordinanza Bio dell’UE. www.claro.ch/de

Migros Bio: per gli alimenti svizzeri contrassegna alimenti conformi alle direttive di Bio Suisse. Per le importazioni vigono le regole UE, meno severe, tuttavia con aggiunte quali il divieto di trasporti aerei. https://www.migros.ch/de/einkaufen/migros-marken/bio.html

Max Havelaar: noto marchio per prodotti del commercio equo e solidale provenienti dal sud del mondo. Quanto richiesto in termini sociali è elevato, in materia di ambiente relativamente limitato. Il marchio Label Max Havelaar Cocoa fa riferimento a un ingrediente commerciato in modo equo, per esempio il cacao. www.maxhavelaar.ch

Naturland: l’equivalente tedesco di Bio Suisse. Determina chiare regole per il commercio di prodotti dal sud del mondo nonché per l’acquacoltura, tuttavia non sono chiaramente disciplinati i trasporti aerei. www.naturland.de

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*