Spurenelemente: Dafür braucht sie der Körper

Oligoelementi: ecco perché ne ha bisogno il corpo

Ferro, zinco, iodio: chi vuole fornire al proprio corpo oligoelementi si affida oggi ai promettenti integratori alimentari come «rimedio post-sbornia» o «jet lag rapid reset». Quali sono i loro vantaggi? E se assunti in elevata quantità sono dannosi?

Gli oligoelementi sono sostanze, di cui il corpo ha bisogno in concentrazione molto ridotta. Senza gli oligoelementi “essenziali”, quindi di importanza vitale, nel corpo non funziona quasi niente. Tra questi figurano il ferro, lo zinco e lo iodio. Tutti gli oligoelementi sono presenti negli alimenti. Chi segue una dieta equilibrata non deve temere di avere una carenza. Alla fine di questo articolo trovate una lista di tutti gli oligoelementi con fabbisogno giornaliero, compito e presenza negli alimenti.

Carenze in Svizzera

Oltre il 20% delle donne svizzere tra i 18 e i 42 anni soffre di carenza di ferro. Ma succede anche il contrario: il 15% degli uomini e il 4,7% delle donne presentano un eccesso di ferro. Ancora più netta è la situazione con lo zinco: secondo il rapporto sull’alimentazione, gli Svizzeri assumono questo elemento ben oltre la quantità consigliata.

Quali sono i vantaggi degli integratori alimentari con oligoelementi?

In uno studio durato per oltre 20 anni, dei ricercatori dell’Iowa hanno scoperto che le donne che utilizzavano regolarmente gli integratori alimentari non vivono più a lungo di quelle che non ne assumono. Unica eccezione: le donne che assumevano il macroelemento calcio vivevano più a lungo. Ciò non significa automaticamente che gli integratori alimentari non servano. È tuttavia possibile che rafforzino il rendimento e il sistema immunitario.

Gli integratori squilibrano il sistema naturale

Il problema per gli oligoelementi: chi ne assume una quantità troppo elevata si avvelena. Se ad esempio si ingerisce troppo zinco, l’intestino inibisce l’assunzione del rame e porta a una carenza di quest’ultimo. O come disse già Paracelso: «Tutto è veleno, e nulla esiste senza veleno. Solo la dose fa in modo che il veleno non faccia effetto».

Soprattutto per quanto riguarda gli oligoelementi dipende quindi dalla dose: infatti, un eccesso non viene semplicemente eliminato, ma frena l’assorbimento di uno degli altri oligoelementi. Inoltre, sono efficaci solo in combinazione con vitamine e macroelementi, come ad esempio il magnesio o il calcio. Un sistema altamente sofisticato e complesso del corpo. Gli esperti consigliano perciò di non squilibrare questo sistema se non si soffre di una carenza.

Come si riconosce una carenza?

Ci sono situazioni, in cui si necessita però di una maggiore quantità di un oligoelemento, ad esempio durante la gravidanza: le esigenze del corpo cambiano perché è coinvolta anche una seconda piccola persona. Anche il fumo, i medicamenti e troppo sport turbano l’equilibrio delle sostanze minerali. In tal caso c’è solo una cosa da fare: effettuare degli esami. Infatti, l’emocromo è il migliore indicatore di una carenza. Sintomi come mal di testa o stanchezza potrebbero avere molte altre cause, è quindi difficile sapere chiaramente da dove derivino.

Lista di tutti gli oligoelementi

Secondo i valori di riferimento DACH, un adulto ha bisogno di una determinata quantità giornaliera di oligoelementi.

 

OligoelementoFabbisogno giornalieroAlimentoCompito
Cromo30–100 μgProdotti integrali, noci, fagioli bianchi, mieleContribuisce a un migliore assorbimento del glucosio nel corpo.
Ferro10 mg uomini
15 mg
donne
30 mg donne incinte
Carne di manzo, fagioli bianchi, fiocchi d’avena, cavolo verde, lenticchie, piselliFormazione del sangue
Trasporto dell’ossigeno nel sangue
Zinco7 mg donne
10 mg uomini
Carne di manzo, aringa, fiocchi d’avena, mais, piselli e fagioli bianchiRafforza il sistema immunitario, la pelle e il tessuto connettivo. Le riserve di zinco si esauriscono abbastanza velocemente
Iodio150 µg
200 µg Schwangere
Pesce, frutti di mareImportante per la tiroide, il metabolismo e il consumo energetico
Cobalto2 µgIn tutti gli alimenti che contengono molta vitamina B12: carne, pesce, latticini, spinaci, pomodori, lenticchieParte integrante della vitamina B12 e quindi responsabile di numerosi processi metabolici nel corpo
Rame1–1,5 mgFiocchi d’avena, prodotti integrali, fagioli bianchi, lenticchie, fagioli di soia, pesce, nociTra gli altri, crescita delle ossa, tessuto connettivo, sistema immunitario
Manganese2–5 mgProdotti integrali, banane, noci, tè neroOssa, tessuto connettivo e metabolismo
Molibdeno50–100 µgVaria molto perché il contenuto dipende dal terreno. In linea di principio, legumi, cavolfiore, aglio e prodotti integrali hanno un alto contenuto di molibdenoCreazione del patrimonio genetico, fonte energetica
Selenio60 µg donne
70 µg uomini
Aringa, carne di pollo, carne di manzo, mais, fiocchi d’avena, fagioli bianchi, pesci grassi, funghiAttiva gli ormoni tiroidei e il sistema immunitario
Silicio30 mg
Non d’importanza vitale
Cipolle, avena, miglio, patateCapelli e unghie forti
Fluoruro3,1 (donne)–3,8 mg (uomini) Non d’importanza vitaleInteriora, pesce, tè nero, cereali, acqua mineraleEffetto incerto
Valutare questo contributo.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*