«Clean Eating»: Wissen, was man isst
(Gettyimages)

«Clean Eating»: sapere ciò che si mangia

Nessuna voglia più di prodotti semilavorati pieni di additivi indecifrabili? Basta emulsionanti, gelificanti e aromi artificiali? “Clean Eating” è un nuovo trend che non implica solo la rinuncia ad alimenti elaborati industrialmente e con additivi ma anche alle cosiddette calorie vuote come farine bianche o zucchero che non hanno niente a che cercare in questo tipo di alimentazione. Inoltre, i “Clean Eaters” acquistano prevalentemente prodotti bio, evitano grassi insalubri contenuti in alimenti come snack e frittura e rinunciano in gran parte se possibile all’alcol.

Un cambiamento radicale che richiede del tempo

Tuttavia, a molti manca il tempo per andare ogni giorno al mercato per comprare alimenti freschi e cucinarli. Quanto è dunque realmente applicabile alla vita di tutti i giorni questo trend? Indubbiamente bisogna cambiare le abitudini alimentari, non trattandosi semplicemente di una dieta a tempo determinato. Per l’acquisto di cibi freschi e non lavorati sono ideali i negozi e le aziende agricole bio oppure i servizi a domicilio se si vive in città. In Internet poi non mancano spunti per ricette e anche i corsi di cucina “Clean Eating” stanno spopolando. Inoltre, c’è da dire che la preparazione di questi piatti spesso non richiede più tempo di quella di prodotti semilavorati, però hanno un sapore nettamente migliore, sono sani e prodotti seguendo i criteri di sostenibilità.

Ricetta per risotto integrale ai pomodori per 4 persone

300 g di riso integrale
1 cipolla, finemente tritata
1-2 spicchi d’aglio, finemente tritati
4-6 pomodori tagliati a pezzetti
poco olio
1 dl di mosto, sidro o acqua
erbe, sale, pepe dal macinapepe
formaggio locale grattugiato o anacardi tritati

Preparazione:
Mettere in ammollo il riso la sera prima. In questo modo vengono meglio assorbite le sostanze nutritive e inoltre si risparmiano tempo e corrente durante la cottura. Il tempo di cottura si riduce a 20-30 minuti (tempo di ammollo 45-60 minuti).

  • appassire la cipolla e l’aglio tritato in poco olio
  • aggiungere il riso e i pomodori
  • spegnere con poco mosto, sidro o acqua
  • fare cuocere a fuoco lento, mescolando di tanto in tanto e aggiungere poco a poco un po’ d’acqua
  • condire con pepe, sale, erbette e se necessario del brodo (di qualità bio senza additivi)
  • cospargerci sopra del formaggio locale grattugiato o degli anacardi tritati

A seconda della stagione i pomodori possono essere sostituiti con della zucca, degli asparagi o altro.

Come una volta

Come potete vedere non è difficile alimentarsi in modo “clean” e per alcuni di noi forse è anche un ritorno al passato. Osservate quindi la nonna ai fornelli per avere delle ispirazioni culinarie! Fate la spesa in modo critico: l’insalata già tagliata e confezionata non la si potrebbe anche preparare da sé? Al posto della pasta servire del mais o del risotto integrale come accompagnamento. L’acqua la si può benissimo aromatizzare con delle foglie di menta o della frutta. Esistono innumerevoli modi semplici per applicare il “Clean Eating”. Provate iniziando con dei piccoli cambiamenti quotidiani.

Da consigliare e «clean» sono anche gli snack sani per le escursioni e altri snack riportati sul nostro blog.
E se dovesse capitare di non avere nemmeno più il tempo per mangiare, il nostro blog vi mostra come potervi comunque alimentarvi in modo clean e sano.

In linea di principio mangiare dovrebbe rappresentare un piacere e dare una buona sensazione. Un piccolo peccato di gola ogni tanto è quindi concesso. A sostenervi in questo vi è il programma alimentare MyCoach della CSS Assicurazione.

Valutare questo contributo.

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*