Eisenmangel Behandlung

Carenza di ferro: quando un trattamento è davvero necessario

La carenza di ferro è un fenomeno frequente, soprattutto nelle donne, ma anche tra i vegani e i donatori di sangue. Cosa aiuta come prevenzione e quando un trattamento ha senso.

 

Perché abbiamo bisogno del ferro

Il ferro è un oligoelemento di importanza vitale nel corpo umano. Si occupa della formazione del sangue e quindi anche del trasporto dell’ossigeno. Ha inoltre un ruolo nella difesa immunitaria e nello scambio di informazioni tra i neuroni.

 

Coach del ferro: quanto ferro c’è nel mio cibo?

Insieme alla ZHAW la CSS ha sviluppato il Coach del ferro, che mira a rispondere in modo semplice a questa domanda. Tramite una foto l’app analizza il contenuto di ferro del pasto. Il Coach del ferro CSS permette di avere un’alimentazione più ricca di ferro e di prevenire la carenza di questo elemento. Con progetti come questo la CSS effettua ricerche su strumenti digitali, volti a sostenere la prevenzione e il trattamento di malattie. Voglia di provare il prototipo? Avete bisogno soltanto di uno smartphone.

Prova l’app

 

Di quanto ferro abbiamo bisogno al giorno

  • Gli uomini dovrebbero assumere 10 milligrammi (mg) di ferro al giorno, mentre le donne 15 mg. Il loro fabbisogno è maggiore perché durante le mestruazioni perdono regolarmente sangue.
  • Le donne incinte (30 mg al giorno) e quelle che allattano (20 mg al giorno) hanno un fabbisogno particolarmente alto. A loro vengono spesso prescritti preparati a base di ferro, perché è difficile assumere questa quantità soltanto tramite l’alimentazione (vedi ultima domanda).

 

Anche le seguenti persone possono avere un fabbisogno più alto

      • bambini e giovani in fase di crescita
      • sportivi professionisti
      • vegetariani e vegani
      • donatori di sangue

 

Cause della carenza di ferro

Oltre al maggiore fabbisogno di ferro, le cause più frequenti sono ripetute perdite di sangue e assunzione insufficiente di ferro tramite l’alimentazione monotona. Più raramente le malattie infiammatorie croniche dell’intestino possono essere la causa per cui il corpo assume troppo poco ferro tramite l’alimentazione. Tra le possibili cause, che devono essere verificate con il medico, figurano inoltre:

      • perdite di sangue a causa di tumore
      • aumento del fabbisogno di ferro in caso di terapia a causa di carenza della vitamina B12
      • minore assunzione di ferro in caso di celiachia

 

Sintomi della carenza di ferro

A seconda della gravità gli specialisti individuano due stadi:

  • la carenza latente di ferro senza anemia e
  • la carenza di ferro con anemia, l’anemia da carenza di ferro. Nell’80% di tutte le anemie la causa è la carenza di ferro.

A seconda della gravità del deficit e da quanto tempo dura, si possono riconoscere i seguenti sintomi per entrambi gli stadi:

  • debolezza muscolare
  • minore resistenza
  • irritabilità
  • capogiri
  • disturbi cognitivi come difficoltà di concentrazione, disturbi della memoria, minore capacità di apprendimento
  • mal di testa
  • appetito di argilla e terra
  • unghie scanalate e deboli
  • pelle secca
  • tagli agli angoli della bocca
  • bruciore alla lingua
  • caduta dei capelli

 

Il pallore e la stanchezza sono segno affidabile di carenza di ferro

Il pallore è un segno poco sicuro. La stanchezza, per contro, può essere un indicatore per le donne in età fertile, ma solo in caso di carenza di ferro senza anemia. Una terapia ha quindi senso solo se il valore di ferritina è notevolmente inferiore a 15 nanogrammi per millilitro di sangue (ng/ml).

Però:

Chi è sempre stanco può anche soffrire di un’altra malattia, come ad esempio depressione, insufficienza renale, malfunzionamento della tiroide o epatite cronica. È quindi importante chiarire la causa.

 

Verificare la carenza di ferro

Con l’analisi del sangue viene verificata la ferritina. Questa proteina nel sangue indica le riserve di ferro nell’organismo. Sebbene non esista un limite generalmente riconosciuto, c’è un valore indicativo: se il tasso di ferritina nel sangue è inferiore ai 15 nanogrammi per millilitro di sangue (ng/ml), le riserve sono troppo basse.

Importante:

Una diagnosi affidabile tiene conto anche del valore della proteina CRP. In questo modo è possibile escludere infezioni e infiammazioni acute, perché esse aumentano la ferritina.

 

Quanto sono affidabili i nuovi autotest disponibili in farmacia

Una piccola puntura nel polpastrello e dieci minuti dopo si hanno i risultati: gli autotest per il ferro vanno di moda. Tuttavia, essi forniscono soltanto un primo indizio e non sono sufficienti per una diagnosi approfondita. Di conseguenza, occorre assolutamente discutere l’ulteriore procedura con un medico.

 

La carenza di ferro deve sempre essere trattata

No. Si consiglia un trattamento solo se i pazienti soffrono di anemie. Quindi se si ha una concentrazione insufficiente dell’emoglobina:

  • il valore norma per le donne è di almeno 12 grammi, per gli uomini almeno 13 grammi per decilitro nel sangue.

Importante:

In caso di mancanza di ferro senza anemia, la cura è indicata soltanto se si manifestano i sintomi. Valori bassi del ferro non sono per forza associati a disturbi.

 

Trattamento carenza di ferro: compresse o infusione

Compresse o infusione: è questa spesso la domanda.

  • Le linee guida dello studio medico di gruppo Medix consigliano innanzitutto le compresse. Il motivo: per il corpo è meglio se le riserve di ferro vengono ricaricate lentamente, quindi durante più mesi. Il nuovo principio per il trattamento è il seguente: una compressa ogni due giorni, ciò garantisce un’assunzione ottimale di ferro.
  • Se i medicamenti causano disturbi gastrointestinali (si tratta di un effetto collaterale frequente) o non fanno aumentare in modo sufficiente i valori, per queste persone si può pensare a delle infusioni di ferro. Dovrebbero però essere dosati in modo moderato. Le infusioni vengono utilizzate anche per le donne incinte o per le persone con malattie infiammatorie croniche dell’intestino.

 

Assumere dosi troppo elevate di ferro: è possibile

Soltanto con l’alimentazione no. Se invece vengono assunti per errore preparati a base di ferro in grande quantità, si può arrivare a un’intossicazione da ferro, che per i bambini può avere esito letale. Per questo conservare sempre le compresse lontano dalla portata dei bambini.

 

Come si fa a sapere se i valori del ferro sono tornati nella norma

Il sangue deve essere nuovamente esaminato; in caso di un trattamento con le compresse al più presto quattro settimane dopo l’ultima assunzione. In caso di infusioni al più presto dopo 8-12 settimane. I controlli anticipati hanno senso se i sintomi non migliorano o non spariscono entro poche settimane.

Importante:

Non assumere mai i preparati a base di ferro di propria iniziativa, ma sempre sotto controllo medico e per un periodo limitato. Una volta che le riserve sono state integrate, le persone sane non hanno più bisogno di medicamenti.

 

Carenza di ferro: cosa mangiare

Il ferro è presente, in quantità diversa, in quasi tutti gli alimenti (vedi panoramica).

  • Il corpo assume particolarmente bene il ferro dagli alimenti di origine animale, mentre ha più problemi con il cibo di origine vegetale. Tuttavia, l’acido ascorbico (vitamina C) permette di migliorare l’assunzione del ferro. Durante i pasti è quindi consigliabile bere un bicchiere di succo di frutta o mangiare un frutto fresco.
  • Per contro l’assunzione del ferro viene rallentata dal tannino (acido tannico) presente nel caffè, tè e vino.

Però:

Chi soffre di carenza di ferro non può curarla con alimenti ricchi di ferro. In tal caso sono di regola necessari dei preparati.

 

Alimenti ricchi di ferro

Cifre in milligrammi di ferro per 100 grammi 
Sanguinaccio17,0
Farina di semi di soia15,0
Polvere di cacao12,5
Semi di zucca12,5
Sesamo10,0
Fegato di manzo9,5
Pinoli9,2
Pistacchi7,3
Molluschi cotti7,2
Uova di gallina7,2
Fagioli rossi freschi6,4
Gallinacci6,5
Semi di girasole6,3

Lascia un commento

Il suo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati.*